Debian VS Ubuntu

Debian è la mamma di Ubuntu: apparentemente sono due distribuzioni uguali, ma, ovviamente, non possono essere identiche, altrimenti la loro duplice esistenza non avrebbe senso.

Io ho sempre usato KUbuntu, senza mai conoscere Debian, quindi ho deciso di provarla, anche dopo aver dato un'occhiata ad un articolo che ne doveva trattare le differenze (ma che in realtà poco diceva) e di cui non fornisco il link perché non è più reperibile.

Ho installato la versione testing di Debian sul mio notebook Toshiba (M70-286) con successo. Per la configurazione ho seguito le stesse operazioni fatte con KUbuntu per il modem, la scheda wireless, il touchpad ecc (e descritte in quest'articolo).

L'unica piccola difficoltà incontrata è stata nel capire che il pacchetto dei font di xorg non viene installato di default, ma bisogna selezionarlo a mano. Chi gestisce xorg è a conoscenza di questo bug, però non ritiene necessario aggiungere il pacchetto dei font come dipendenza a xorg. Il motivo è che il server X potrebbe essere installato in una macchina che opera solo come server, appunto, e quindi i font servono solo nella macchina client. Peccato che in un desktop il client X è lo stesso server, quindi, almeno, il pacchetto dei font potrebbe essere marcato come "consigliato"... Certa gente dovrebbe accorgersi che siamo nel 2006 e Debian è usata anche nei desktop!!!

L'interfaccia di installazione di Debian è la stessa che era usata su Ubuntu fino alla versione precendente a Dapper Drake, per la quale è stata adottata una soluzione più elegante e ancora più intuitiva. Il CD di installazione, infatti, contiene un sistema live dal quale è poi possibile l'installazione tramite una interfaccia grafica. Attualmente è in fase di test un installer grafico anche per Debian.

Dopo l'installazione, Debian risulta più veloce nel caricamento iniziale: parliamo di una trentina di secondi contro più di un minuto. Il motivo è da ricercarsi nel fatto che Ubuntu installa numerosi pacchetti in modo da fornire anche ad un utente inesperto un sistema sufficientemente completo e autosufficiente (che sia in grado di riconoscere diversi hardware, per esempio). Debian, invece, permette un'installazione minimale, quindi bisogna effettuare una scelta manuale che rispecchia le proprie esigenze.

Il software che si può usare su Debian e su Ubuntu è lo stesso, il medesimo che si può usare in ogni distribuzione GNU/Linux. Il sistema di gestione dei pacchetti è in entrambe APT, quindi, in pratica, un sistema installato e configurato correttamente è uguale nelle due distribuzioni.

Lo sviluppo di Debian è strutturato in 3 versioni: una stabile (stable), una test (testing) e una instabile (unstable).

Io ho installato la versione di test, che presenta dei pacchetti più aggiornati, ma che potrebbe avere dei problemi causati da bug ancora non risolti ma, nel mio caso, non ho ho mai avuto problemi.

Al contrario, Ubuntu sforna una versione ogni sei mesi, ognuna supportata almeno 18 mesi. L'ultima, Dapper Drake, in particolare, è diventata quella stabile per eccellenza, con pacchetti aggiornabili garantiti per 5 anni.

I due approcci hanno i suoi pro e i suoi contro e, se non fosse che la test di Debian è molto poco instabile, preferirei la soluzione adottata da Ubuntu. Avere una nuova versione ogni sei mesi, secondo me, permette di avere software recente sempre a disposizione e di essere seguita sempre con la massima cura, per avere un rendimento quasi ottimo (nei limiti del possibile, insomma).

Tuttavia, la soluzione di Debian permette di scegliere tra un'opzione solida, per chi non vuole rischiare inconvenienti di qualunque tipo; una incerta, per chi non vuole vivere sulla bambagia ma si può permettere qualche rischio; e una per chi ama il rischio ed è intraprendente al massimo.

Debian funziona su moltissime architetture (Alpha, ARM, HP PA-RISC, Intel x86, Intel IA-64, Motorola 680x0, MIPS, MIPS (DEC), PowerPC, IBM S/390, SPARC), mentre la versione corrente di Ubuntu supporta Intel x86, AMD64 e PowerPC. In sostanza, Debian risulta essere molto più versatile di Ubuntu e può essere installata ovunque.

In conclusione... Sul pc fisso mantengo KUbuntu perché ormai ci sono affezionata, ma sul notebook scelgo Debian, perché la velocità fa la sua differenza e, a parità delle altre condizioni, la mamma resta sempre la mamma, giusto? :P

Di sicuro, resta il fatto che ci si trova di fronte a due distribuzioni molto simili tra loro e che hanno differito per il grande successo che Ubuntu è riuscita ad ottenere negli ultimi anni. Curioso, se si vuole, ma la spiegazione potrebbe essere più semplice di quello che si può pensare... Ritengo molto plausibile che tutto sia dipeso dal momento in cui Ubuntu è nata e dal clamore con cui è stata accolta.

Di fatto, le differenze tra le due distribuzioni non sono visibili agli utenti inesperti, quindi, in altro modo, sarebbe difficile motivare la situazione. Diciamo che le doti di Ubuntu ci sono, altrimenti sarebbe stata un'altra distribuzione tra le mille che ci sono, ma di sicuro l'affermazione "la cosa giusta al momento giusto" può essere tranquillamente citata in suo riferimento.

eheheh... io son solito liquidare la questione con un semplice:
"perche' scegliere ubuntu se puoi avere debian?"
ma io sono vetero, si sa :P

Non hai tutti i torti, ma io di solito dico: "perchè scegliere Debian quando si può usare Slackware?" :-)

E allora perché usi Arch (che, tra l'altro, devo reinstallare sul notebook)? :P

evidentemente dici cosi' perche' o sei vecchio o ingegnere.
altre proprio nn me ne vengono in mente...

Muble... muble muble, vecchio non sono, anzi sono addirittura più giovane di te. Ingegnere nemmeno (ci mancherebbe altro!). La soluzione potrebbe essere che slackware è la mia distribuzione preferita anche se ciò non implica che la devo per forza usare sulla mia workstation :-)

Muhuhahha... sono diabbolico! :-)

Hai qualcosa da ridire contro gli ingegneri per caso?!?!?!?
Comunque ti giustificherei solo se usassi Slackware su qualche altra macchina! :P In ogni caso aspetto di avere news sulla nuova versione che sta uscendo... Slackware è pur sempre la mia prima distibuzione (seppur non il mio primo amore...): sono curiosa di vederla a distanza di qualche anno.

Su Hyperion c'era Slackware... prima che ci facessi qualche esperimento.

Slackware forever. Se non fosse per il fatto che ogni tanto faccio montaggio video su cui Linux e l'opensource è carente da morire (e mi dispiace ammettere che l'alternativa proprietaria è l'unica su cui lavorino Pinnacle e Adobe), metterei Slackware sul Pc e Slamd su mobile.

Se avessi tempo, un okkio a Gentoo lo darei...

C'è qualcuno che conosciamo che vuole farmi installare Gentoo sul notebook... Ma per ora, la nuova distro di Slackware ha la precedenza! :)

... a proposito di slackware e font
ho messo la current sul portatile, ora non fa partire X perché nn carica la libreria libfontconfig.so o qualcosa del genere.

Non avranno fatto lo stesso scherzo?
Come faccio a far ripartire X?
Istruiscimi!

Hai installato la current? Non è mai una buona idea installare una versione non definitiva. E' meglio aspettare la versione completa. Comunque, prova ad installare il pacchetto fontconfig o simile. Sei sicuro inoltre di aver configurato correttamente X? Al limite vieni sul forum di Slackware Italia.

Ho installato la 10.2 e upgradepkgATO con i pacchetti in slackware-current.

Di solito non ti sottrae le librerie ... Ho paura che la 11 non avrà la fontconfig...

risolto. Hanno messo fontconfig in un pkg nuovo. Io facevo l'upgrade dei pkg preinstallati. Risultato non trovava il pkg nuovo. oggi controllo tra i pkg nuovi se c'é qualcosa di necessario, come fontconfig o la patch per la radeon in x11 ;)

Quando si usa il ramo -current conviene sempre tenere d'occhio il changelog.

Ciao, complimenti per il confronto :)
Io non ho mai usato debian, ho provato però kubuntu e poi ubuntu...solo che preferisco kde quindi vorrei tornare a kubuntu....ma non so perchè, kubuntu rispetto ad ubuntu mi sa di versione più per "lamer"... è vero o è solo una mia fissazione ? è praticamente lo stesso sistema solo con kde anzichè gnome ?

E' una tua fissazione: il sistema è lo stesso, cambia solo l'ambiente desktop.

Ciao, sono un utente Debian abbastanza convinto, ho testing sia sul desktop che sul notebook e non ho (quasi) mai riscontrato grossi problemi, grazie ad APT e all'universalità (passatemi il termine) di questo s.o. Dico 'quasi' in quanto sono proprio sul live-cd di kubuntu, sto per provarlo - causa furibonda lite tra lenny, postgresql e le mie applicazioni audio! Devo per forza usare postgres, quindi... momentaneamente mi faccio una linux box per audio/video/caxxeggio. Ciau :)

Ho provato DEBIAN e UBUNTU su 3 PC (di cui uno portatile).
Prima UBUNTU poi DEBIAN per ogni distro circa 2 mesi.
Nulla da fare.
Ubuntu, nonstante la simpatia, freezava sistematicamente su tutti i PC.
Irritandomi parecchio.
DEBIAN MAI !
Ovviamente parlo di DEBIAN etch.
SOLIDA COME UNA ROCCIA !
A questo punto il giudizio è semplice.

ormai uso ubuntu da parecchio tempo e devo dire che fino all'ultima versione mi sono trovato molto bene ma ormai mi sono deluso molto poichè varie app. nn mi funzionano piu e il sistema si boca spesso. Adesso ho deciso di passare a slackware e sempre dando un'occhiata a debian. buona scelta a tutti

Slackware, ottima scelta: assieme a Debian è un pilastro. Altrimenti ti consiglio di provare Archlinux :-)

Ciao mondo! Sono uno dei tanti smanettoni provenienti dal mondo amiga...
Devo ammettere che linux è davvero stupendo. La mia prima distro è stata
Slackware, che rimane sempre una distribuzione ottima, anche se non vedo
bene un suo uso su desktop così tranquillo.

Le varie ubuntu non mi piaciono molto anche se devo ammettere che avendo
base debian hanno comunque qualcosa di positivo.

Ho provato tante di quelle distribuzioni/versioni che ho praticamente
smesso di usare il pc per altro... :(
Posso affermare che debian è davvero una BOMBA, in termini di prestazioni
da desktop non ha confronti a scapito di qualche bestemmiuccia inb più
nella messa a punto di tutte le periferiche!

Se linux fosse la piattaforma di riferimento dei videogames... microsoft
non avrebbe mai avuto un tale successo. Che tristezza, tutto il mondo
è paese

Ma io non farei un paragone tra Debian e Ubuntu su pc desktop e laptop.
Sarebbe bello avere un paragone a livello servers, cioé quando danno servizi internet.
Vorrei vedere se vanno in kernel panic o segmentation fault.
Insomma in ambito lavorativo e non per giocare a carte :-)

Stefanos hai ragione a chiedere ANCHE comparazioni in ambito di servizi internet e/o servizi in genere (server non è sinonimo di macchina che fornisce servizi su internet).

Un sistema operativo, pero', non si giudica solo dalla giacca e dalla cravatta, anzi, all'utente medio non interessa sempre che sia un buon server!!!
In media, da un sistema operativo serio, ci si aspetta di non vedere mai piu' le "schermate blu" o dover sposare l'assurdo concetto "il programma si è bloccato, allora lo chiudo forzatamente ma siccome lascia qualche componente software/hardware in situazioni indecifrate, devo riavviare altrimenti non funziona piu' nulla".

Detto questo, CONVENGO TOTALMENTE con te sul fatto che in ambito lavorativo piu' che in altre situazioni un sistema operativo poco solido è davvero triste.
Ti dico solo che mi tocca sviluppare applicazioni j2ee per servers websphere-su-unix tramite rad-su-windows... in pratica una bestemmia ogni ora di lavoro quando tutto va bene!!! Da uscir pazzi.

Ad ubuntu preferisco debian ma... magari potessi usare ubuntu a lavoro.

mmm di solito testing e' meglio non usarla.. meglio sid in ogni caso :p

Eh in ambito di os opensource sono un novellino, sto usando ubuntu(il kde non è che mi faccia impazzire preferisco gnome più essenzialista, compiz l'ho istallato provato e disabilitato...giusto per mostrarlo a qualche amico) da circa 5 mesi e (bada bene DarkCammel) a LAVORO....anch'io sviluppo applicazioni j2ee di una certa complessità e ho notato che la jvm in ubuntu è leggermente più lenta che in winzozz mentre quando ho sviluppato applicazioni in cluster sono dovuto andare a toccare un file di configurazione(non mi ricordo quale, mitico google) perchè (a quanto pare) ubuntu di default accetta 1024 accessi a file in cotemporanea(non sapevo come gestiva i socket ma l'ho capito), office poi sono costretto a usarlo(le revisioni dei documenti, mentre con visio bè niente da dire qui)...Non ho visto Debian anche se anni fa provai a istallarlo e quanti problemi(si lo so è anche una questione di licenze e della mia ignoranza) per uno che come me lavora col pc non si può permettere il lusso di studiarsi anche la distro tale dei tali o peggio ancora che non gli parta il pc, ma con ubuntu devo ammettere zero problemi, la comunità fa paura...e si rispetto a voi sono propio pigro ;-) ma amo l'opensource!

Salve a tutti lo so che l'argomento potrebbe non essere inerente ma sto cercando su google ; ubuntu to debian how to, senza trovare quello che cerco, cioè una guida di come passare da ubuntu a debian senza pperdere i file dei vari account e senza dover reinstallare grub se qualcuno ha qualche consiglio lo ringrazio in anticipo.

Se hai la home in una partizione separata, è sufficiente installare debian al posto di ubuntu, grub però lo dovrai reinstallare ma non lo vedo un problema.

Poi da debian dovrai ricreare gli utenti e le home saranno già presenti nella partizione dedicata. Presta attenzione agli uid/gid che potrebbero essere diversi, con un chown poi reimposti i permessi alle home directory degli utenti.

Beh Pablo, che dire? Qualche volta winzozz si difende ancora!
Anche a me kde non piace moltissimo, ma segue la moda vista e compagnia bella.
Ultimamente sto cercando di imparare anche xfce che sembra davver interessante ma anche gnome è ottimo ed è quello che uso di norma.

Ho amici che lavorano su j2ee in diverse distribuzioni linux ma in effetti non ho mai toccato con mano in senso lavorativo quindi mi fido di te, magari sarebbe curioso provare con altre jvm anche se so che quqndo si lavora non si ha sempre il tempo di testare...
Ho notato a riguardo che debian installa di default la OpenJDK. Chissà se questa regge il confronto.

Comunque ora tendo ad uscire dal seminato. Negli ultimi mesi sto utilizzando Linux Mint 8, quindi diciamo che mi sono fermato su ubuntu.

Ma tornero' sicuramente a provare la debian quando uscirà la 6 e magari ci restero' questa volta.

Un saluto a tutti

Ritengo questo articolo un insulto nell'esplicare le funzioni di un sistema operativo rispettante gli standard IEEE 1003, ergo un sistema Posix.

Debian è altamente al di sopra di Ubuntu, ed ora spiegherò i perché:

Linux È SOLO il kernel, come tutti sapranno, Debian integra delle patch per il miglioramento, soprattutto relative alla gestione componentiva aciclica ed euristica dei processi, rendendo così il kernel più veloce e stabile del "generico" usato da Ubuntu.

Ubuntu è sponsorizzata dalla Canonical, che controlla lo sviluppo e il software inserito, non mi fido molto di organizzazioni commerciali di questo tipo.

Mentre Ubuntu supporta solo PowerPC, AMD-64 e x86, Debian supporta x86-32, x86-64, PowerPC, Sparc, Dec Alpha, Arm, Mips, Hppa, S390, Ia-64, Mipsel e anche mainframe come lo z900 (valida alternativa a Z-Os, persino migliore nel clustering), rendendolo a tutti gli effetti IL SISTEMA OPERATIVO UNIVERSALE.

Debian di default rilascia esclusivamente software libero, la politica di non-tolleranza del software proprietario (che può essere comunque installato inserendo i repository corretti o decommentando quelli già presenti nel sources.list) che può essere sembrata esagerata, mira in realtà a raggiungere livelli di sicurezza e stabilità altissimi.

Debian rilascia il software con cicli aperiodici lunghi per una ragione: adopera moltissimi controlli di sicurezza sul software, ad ogni modo vi è sempre Sid, vorrei ricordare che una Ubuntu come Maverick (la attuale 10.10) altro non è che una versione modificata di Sid.

Dpkg e l'Advanced Package Manager altro non sono stati che partoriti da Debian.

Debian è LA SOLA DISTRIBUZIONE ad essere INTERAMENTE Gnu!!!

Debian permette di disporre di basse latenze negli aggiornamenti di sicurezza, ne rilascia ben 4 al giorno!

Grandi siti come Digg o Wikipedia usano Debian nei loro server, Google OS (da non confondere con Chrome OS o Chromium OS) altro non è che una versione di Debian che dispone delle patch proprietarie di Google, usato su Gmail, Google e Youtube.

Debian è la miglior distribuzione non solo per lo sviluppo di software esterno al sistema operativo, ma anche per il Kernel Hacking per gli sviluppatori del Vanilla (la release ufficializzata da Kernel.org del kernel linux, anche se sarebbe più corretto dire "di GNU/Linux) grazie alle patch che la stessa applica sui suoi kernel. GNU/Debian è quella con cui mi sono trovato meglio.

Molti sviluppatori del Vanilla sviluppano anche Debian.

E ultima cosa: Ubuntu dice cazzate nel suo sito, come il fatto che rilasciano patch per GNU/Debian o che MOLTI sviluppatori di GNU/Debian lavorano anche per Ubuntu (uno solo nella comunità ufficiale Debian lo fa).

Riconosco tuttavia che per l'utente novizio, GNU/Debian possa risultare poco userfriendly.

Ubuntu viene appesantita però, per un utente esperto come me, da moltissimo software inutile e da un kernel che, pur essendo Linux un ibrido monolitico/modulare, di monolitico ha ben poco e carica quasi tutti i supporti modularmente, appesantendo la macchina incredibilmente.

Caro Simone, per prima cosa ti invito a rileggere nuovamente l'articolo: non trovo nulla di offensivo soprattutto per il fatto che l'articolo è a favore di Debian.

L'intenzione dell'articolo non è di illustrare Posix, bensì descrivere i due sistemi nel loro complesso.

Ritengo che il taglio dell'articolo sia chiaramente rivolto verso un pubblico con conoscenze non troppo elevate di conseguenza il tuo sfogo è decisamente inutile e fuori luogo. Concordo pienamente con i dettagli tecnici che hai sottolineato nel tuo commento ma non apprezzo assolutamente la tua prima frase.

Ciao :-)

Hai ragione, sono stato esagerato, ma sinceramente non sopporto più (in particolare in quel periodo) confronti superficiali fra le due distribuzioni, ostentando quanto Ubuntu sia migliore di Debian, cosa per nulla vera sotto nessun punto di vista, se non riguardo la facilità dell'utente di installare e usare la distribuzione.
Ritengo un pò un dileggio pertanto parlare ulteriormente di Ubuntu.
Non fraintendere FiNeX, non ce l'avevo né con te né con il tuo articolo, fra i miei passatempi vi è lo sviluppo delle Cryptoapi in GNU/Linux Vanilla, inoltre aggiorno molti repository ufficiali di Debian oltre che la Mailing List ufficiale (che modero ma dove non intervengo per motivi di tempo), noto moltissimi messaggi di utenti Ubuntu pronti ad offendere Debian o a sminuirla come anacronistica.
Il successo di GNU/Debian sarà sempre attuale, non solo, ma non morirà mai con gli anni, mentre Ubuntu è un fenomeno momentaneo sponsorizzato da una multinazionale, la Canonical, che lo utilizza per detenere una buona porzione di controllo del mercato.
Solo sapere che una distribuzione viene utilizzata per scopi lucrosi mi fa rabbrividire.
Inoltre l'impasse sta nel fatto che Ubuntu presenta sempre più errori nella sicurezza dovuti al fatto che i programmatori principali si lasciano sedurre da altri progetti della Canonical retribuiti, ed utilizzano Ubuntu solo per scaricare le quote di mercato e moltiplicare così i guadagni della multinazionale, lasciando così il lavoro agli hobbisti (anche io lo sono, ma vanto una certa professionalità, il mio campo è la medicina e non l'informatica, precisamente l'endocrinologia, ma d'altro canto sviluppo software da più di due decadi ed ho lavorato in campo informatico per molti anni).
Un esempio, Debian presentò nell'estate del 2008 un'errore nella gestione delle chiavi, fra cui SSL, che compromise la sicurezza di migliaia di sistemi e del demone OpenSSH.
Le fix vennero rilasciate il giorno stesso dell'errore, ma molte persone non fanno un security upgrade quotidiano.
L'errore, in teoria, non si sarebbe più dovuto riproporre.
Con dispiacere immenso ho notato, a distanza di uno e poi due anni, che Ubuntu commise lo stesso errore nella gestione delle chiavi e rilasciò le fix a distanza di una settimana (per informazioni, securityfocus dot com).

Il senso del mio commento era solo quello di aggiungere informazioni che l'articolo ha trascurato, forse perché diretto ad una fascia di utenti inesperta, ma che comunque erano essenziali.

Mi scuso per i pessimi toni adottati e mi dispiace che ti sei offeso.

Ciao Simone, grazie per il tuo nuovo commento. Credo di capire il tuo stato d'animo e in buona parte concordo con te. Sfortunatamente moltissimi stanno adottando Ubuntu anche per la realizzazione di server aziendali, cosa che mi sta facendo preoccupare un po' :-( Come al solito la causa principale è la pigrizia e, forse, la mancanza di una visione generale dell'ecosistema GNU/Linux.

Vedo con piacere che la discussione è andata avanti! Che dire... Una pillola di cui molti di voi saranno già a conoscenza:
Linux Mint ha rilasciato la prima versione della loro distro costruita direttamente su Debian!
Spero che tale operazione venga ben accettata dai linuxxiani e soprattutto che Mint non si comporti come Canonical (quindi collaborando in maniera piú costruttiva con il mitico gruppo Debian).
Sono sicuro che il progetto LMDE sarà un successo e se cosí non fosse voglio comunque fare tanti complimenti a Mint per lo sforzo prodotto!

Sempre forza Debian e tutti coloro i quali vi portano dentro la loro passione!!!

Ciao ancora a tutti, volevo fare un saluto a Simone Luchetta e dirgli due parole relativamente ai suoi post:
SIMONE SEI UN GRANDE, HAI DETTO (FORSE CON PAROLE FORTI) TANTE COSE GIUSTE!!!
A proposito, mi sai dire qualcosa sul gruppo di Linux Mint? Non li conosco e non vorrei che siano Canonical-like...

Un salutone a tutti e buone feste.

Posso visitare il vostro pianeta?
Lunga vita e prosperità

Ciao Vlad... prima o poi ti regaleremo un dizionario italiano-informatichese :-)

Salve, arrivo ora a leggere le Vostre disquisizioni su differenze tra Debian e Ubuntu e le trovo molto interessanti, però ora dico in qualche riga la mia, premetto che non sono un super smanettone di Linux ma non sono manco lo sprovveduto che parte da zero, quindi ora dirò la mia sulle due distro.
Per prima cosa la vera differenza essendo due sistemi simili è la mentalità, Debian vuole un prodotto stabile, aperto, e senza fronzoli per dare ad un utente, spesso professionale, strumenti validi per avere la massima flessibilità nell'ambito lavorativo, Ubuntu a volte per chi lavora fa delle piccole forzature che ti costringono a ricompilare molte cose.
Ubuntu ha dalla sua la semplicità è un dai e vai o meglio chi vuole incominciare a capire di linux Ubuntu è la scelta che si fa al 90% dei casi, non centra essere ingegneri, astrofisici o quant'altro, l'utente che si avvicina a Linux è curioso e desideroso d'imparare, quindi al 90% prova Ubuntu.
Io vedo Debian e Ubuntu un po' come versione per professionisti (Debian), e versione per novizi o per chi vuole un sistema pronto all'uso o quasi (Ubuntu), poi so pure io che se ubuntu è correttamente configurato è pur sempre un sistema molto valido, perché diventa solido come una roccia, anche se diciamo che per chi ci deve smanettare per diletto o per imparare ok ma chi deve magari fare un server per lavoro oppure deve fare per diletto qualcosa ma sa come operare veramente debian ti lascia libera scelta, senza importi, anche se in minima parte, alcune cose come Ubuntu.
Qui la situazione è un po' diversa rispetto a come la si vede ed è la base di fondo della filosofia Linux, che secondo me si sta un po' perdendo, o meglio ricordo circa un 10 o 15 anni fa che si avevano versioni linux magari più ostiche ma che giravano paradossalmente dalla calcolatrice al server aziendale ora invece ti trovi che pure linux sta prendendo anche se in minima parte la malattia windows ovvero pure lui inizia a fare orpelli grafici e rende le versioni anche se più gestibili sempre più pesanti e bisognose di hardware più prestazionale.
Per concludere dico che la differenza tra Ubuntu e Debian è da vedersi in questo modo Ubuntu più un dai e vai installo e sono già pronto per utilizzarlo o quasi e Debian per qualcuno che vuole partire da 0 con un foglio bianco, poi ben inteso chi crede di poter avere Linux solo perché fa fico ed esente da virus e crede di poterci fare le stesse cose che con Windows è dura dirla per me ma si sbaglia purtroppo la flessibilità da utente comune che ha Windows ce la scordiamo.

Ciao ikary72, grazie per il tuo commento. Concordo con te su molti punti e ne approfitto per sottolineare un dettaglio molto importante che spesso viene tralasciato quando si tratta questo argomento: un conto è parlare di Debian e Ubuntu, che sono delle distribuzioni, un conto è parlare di Linux, inteso come sistema operativo vero e proprio (in stretto informatichese) ed un conto è GNU/Linux, inteso come ecosistema di software applicativo GNU che utilizza il kernel Linux. Non distinguere questi termini a volte può comportare delle incomprensioni e magari può creare confusione.

Invia nuovo commento
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Refresh Type the characters you see in this picture. Type the characters you see in the picture; if you can't read them, submit the form and a new image will be generated. Not case sensitive.  Switch to audio verification.