La manifestazione a Vicenza

Ritengo la manifestazione di oggi un inutile perdita di tempo. Che a Vicenza la base Americana venga allargata o meno non ci cambiarà sicuramente la vita. Non cambierà i nostri ideali. C'è chi è contro gli Americani, c'è chi invece li stima. Io ritengo senza senso l'odio contro una nazione, come anche la cieca fiducia e la subordinazione.

In ogni caso l'evento appena trascorso è solo un esempio di come un problema sicuramente risolvibile e gestibile senza troppe perdite tempo, sia stato manipolato dalle forze politiche e dai media esclusivamente per creare un qualcosa di cui parlare e, soprattutto, un motivo per influenzare in un modo o nell'altro le persone (elettori/consumatori).

Come al solito, assieme a chi in buona fede era in piazza per manifestare la propria (forse) idea, c'era poi chi della base ha fatto solo un pretesto per poter portare in campo le proprie idee politiche. Manifesti contro le forze dell'ordine. Manifestanti dei centri sociali che chiedono la libertà dei loro compagni in prigione: poveretti, sono solo dei criminali arrestati per sovversione, terrorismo, associazione a delinquere, cos'hanno fatto di male?

Bah, ne ho le tasche piene di gente che si lascia coinvolgere dalle forze politiche e dai media senza ragionare con la propria testa!

Caro Finex
non sono molto d'accordo con te,
Semplicemente per il fatto che ritengo assai giusto che la gente possa esprimere la propria opinione liberamente con una manifestazione che (fortunantamente) si è svolta pacificamente, considerando che non le è stata data la possibilità di farlo con un referendum.
E' vero che di questa manifestazione si è parlato fin troppo, ma questa è solo colpa dei media che si appigliano a qualunque cosa pur di parlare!!!
Non ritengo giusto, inoltre, generalizzare il pensiero del Gramigna a tutti i cento mila (?) manifestanti....si sa che c'è sempre che tende ad esagerare...
Non importa se Prodi e compagni han scelto di chinare la testa ai "bisogni" degli americani, ieri Vicenza e l'Italia hanno reso pubblica la loro opinione ed è questo che conta (chissà che se ne rendano conto!!)
Io non sono nè comunista, nè antiamericana o altro, sono solo stufa che ci si preoccupi tanto di costruire basi MILITARI invece di lavorare un po' di più per la PACE!!!

E' giusto manifestare i propri ideali, questo è il mio messaggio. Ritengo stupido manifestare gli ideali di altri, inoltre mi fa arrabbiare chi sfrutta gli ideali di altri per i propri scopi.

Il punto non è il 99% dei manifestanti a favore della pace, ma tutto ciò che la politica ed i media hanno costruito attorno.

Infine, come mai (per quanto ne so io) solo adesso è stata organizzata una manifestazione, ed in passato non se ne sono fatte per togliere quelle già presenti nel territorio?

Berlusconi liquidava queste manifestazioni dicendo "cosa importa che ci fossero 100 mila in piazza contro, quando ci sono 55 milioni a casa pro?"

Allora facciamo chiarezza. Ok, le opinioni, ma servono a poco e non decidono nulla se non sono condivise da tutti, non quasi tutti (ti ricordi il concetto di "quasi tutto"?)

Le domande da farsi sono:
Cosa serve un'altra base a Vicenza? Quali vantaggi ne trarrà la città? La zona che hanno scelto è adeguata alle esigenze degli americani? Perché "Dal Molin" è stata dismessa? (se gli aerei passano troppo vicino alle case, chi paga i danni? Ricordiamo il Cermis...)

In un'intervista un rappresentante degli industriali di Vicenza pretendeva in cambio della costruzione della base:
- dazi più bassi per l'oro importato da qui in America
- una sezione staccata (parecchio staccata...) di Harvard o Yale.

Io non ho ancora capito qual'é il piano alternativo o il prezzo per i manifestanti di sabato.

Invia nuovo commento
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Refresh Type the characters you see in this picture. Type the characters you see in the picture; if you can't read them, submit the form and a new image will be generated. Not case sensitive.  Switch to audio verification.