Il codice dei programmatori

Ho appena letto su Groklaw un articolo che confronta il formato dei documenti Microsoft XML con ODF. Come ha giustamente notato un blogger, il loro codice è veramente patetico: l'XML usato da MS XML utilizza tag incomprensibili. Una delle prime cose che un programmatore impara è qualla di utilizzare variabili che indichino chiaramente la loro funzione per evitare codice illeggibile, ma come potete vedere questo codice non sembra seguire queste regole:

<w :p>
</w><w :r>
  </w><w :t>This is a </w>

<w :r>
  </w><w :rPr>
   <w :b />
  </w>
  <w :t>very basic</w>

<w :r>
  </w><w :t> document </w>

Quindi mi vien spontaneo chiedermi chi cacchio sono questi "geni".

Non si dicono brutte parole FiNeX... Bisogna comprendere e portare pazienza: così va il mondo! Le regole sono un optional per molti, purtroppo... E gli informatici non fanno di certo eccezione! :D

Tutto vero, Fino! Ma, i cowboy esisteranno sempre soprattutto se il codice è ad uso protetto e privato di un solo programmatore. Questo vale per XML, per Java, e per la possibilità di documentare i progetti con UML.

I cowboy e gli spaghetti programmers esisteranno sempre, è inevitabile!

Ciao, 2g

Perché non proponi un linguaggio che compili correttamente solo se usa il "galateo"?

Se vuoi farti 4 risate ci dovrebbe essere ancora il linguaggio "varaq" in rete, il primo Program Language in lingua klingon. Vatti a leggere il "galateo"!!!!

Ciao, 2g

Oppure un altro fantastico linguaggio è il "Shakespeare Programming Language", o perchè no, il "brainfuck" :-)

Invia nuovo commento
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Refresh Type the characters you see in this picture. Type the characters you see in the picture; if you can't read them, submit the form and a new image will be generated. Not case sensitive.  Switch to audio verification.